articoli più letti

25/05/2010 ilnono 079590
regolamento-0-fallacie-comunicativeL'ultima categoria, ovvero la categoria che ho tenuto per ultima, è in realtà quella che riguarda le basi della comunicazione verbale e contiene in sé alcuni (tra i più usati nei talk show televisivi)...
07/09/2012 ilnono 272150
come-risolvere-o-evitare-una-discussione-inutileEro in fila per pagare alla cassa di un supermercato. La coppia davanti a me ha fatto spesa per un plotone di… due bambini in fase di crescita. Il marito estrae la spesa, la cassiera batte (malpagata), la...
18/11/2010 giacuomo 940330
rottura-dello-schema-fonetico-il-grammelot Il primo passaggio dell'interpretazione del linguaggio (parlato) è il riconoscimento del suono. Una delle possibili rotture che si possono immaginare e ampiamente sfruttata nella storia della comicità è...
10/10/2011 donald 331900
chi-e-senza-peccato-scagli-la-prima-pietra-ad-hominemAncora molti strenui difensori della religione cattolica commettono l'errore di confondere gli aspetti religiosi (esistenza del trascendente) con gli aspetti etici (regole di vita sociale) del pensiero...
31/01/2012 giovanni getto 630664
il-mistero-della-diagonalizzazione-di-cantorL'idea applicata alla dimostrazione della non numerabilità degli irrazionali, mi suona strana stranona stranissima. Tutti sappiamo che non è possibile rappresentare *diciamo* graficamente un numero...
05/12/2010 ilnono 1030635
il-valore-della-bestemmia Bestemmiare non ha senso: se sei credente, non ha senso perché offendi il tuo dio, se non lo sei, perché parli di cose in cui non credi. Questo è lo scamotaggio che usano i fedeli per ridicolizzare,...
21/10/2010 pierre 030520
superenalotto-perche-non-si-vinceVisto che è questa la domanda più frequente dei referee al mio sito, siediti che ora ti spiego. Prima di tutto... la domanda è malposta (ma risponderò qui a seguire). Le vere domande che dovresti porti...
03/04/2010 franzisco 230240
cose-la-pubblicita la pubblicità è tutto ciò che deve essere bellamente ignorato per capire il valore dei beni e dei servizi offerti dal mercato. Fioccano le citazioni su facebook. Approfitto di questo post(icino) per...
23/03/2010 pierre 027930
si-vince-10-volte-di-piu-del-superenalotto Allora in pratica si fa così: giochiamo a testa e croce. Tu punti 3 euro e io ne punto 1. Poi scegli: se esce quello che hai scelto tu, vinci un euro, se esce l'altro io ho vinto i tuoi tre euro. E così...

le risate più belle te le sei fatte con gli amici o ad uno spettacolo?

(1 - user rating)
giacuomo
26 articoli.

gente allegra a tavolaEddai dammi una mano a rispondere a questo quesito. Io ho la sensazione netta che la risposta alla fine sia una più o meno per tutti, per cui se partecipi al sondaggio che trovi qui a fianco, mi dai una mano a dimostrare una cosa o il suo contrario.

Mi spiego. Da un pezzo sostengo che la forma di spettacolo monodirezionale (tv, teatro, ...) ha fatto il suo tempo e che la sua persistenza, dovuta all'abitudine e all'invasività del sistema massmediale, non è solo sbagliata, ma è proprio dannosa.

In particolare, gli spettacoli comici, siano essi film, varietà, teatrali; la gente li cerca con il lanternino. Cerca chi li sappia far ridere; dimenticare per due ore le disgrazie o per imparare a riderci sopra. I comici sono delle vere e proprie star; dei dottori dell'umore, degli psicoterapeuti. Eppure se io devo ripensare all'indietro, le risate più belle, quelle da crampi agli addominali, non le ho fatte sedute né a teatro, né davanti alla televisione: le ho fatto dicendo cazzate casuali con gli amici. Sì, sì. Anche senza alcool e droghe (ok, aiutano, ma è concorrenza sleale: quelle non le conto!), serate lunghissime, interminabili e senza copione. Le battute non finivano mai ed erano sempre nuove, diverse e divertentissime; io dicevo le mie, che tra l'altro non avevo mai sentito prima per cui facevano ridere anche me, e ascoltavo quelle degli amici e ridevamo fintanto che lo stomaco lo poteva sopportare. Tantissime volte, fortissime volte.

Lo spettacolo più divertente che ho visto è stato invece il ventennale dei Tricicle: fa-vo-lo-so. Ho pianto dal ridere. Bravissimi, molto intelligenti, coinvolgenti, anche se io ero dietro uno schermo e divertentissimi. L'esito è però solo l'ombra di quello che riesco a costruire con gli amici. Senza copione, senza pubblico, senza palco, senza biglietto.

Ieri sera, a cena fuori, mi è venuto il pensiero che probabilmente è così per tutti, solo che... Quando è il momento di cercare 'le risate' la gente cerca spettacoli comici, Zelig, Brignani e così via, non cerca gli amici, che sarebbero tanto più facili, veloci, economici e... si, diciamocelo, divertenti. Questo è per me il grande successo/fallimento del sistema massmediale: costringe il fruitore a diventare dipendente, ma non è capace di dargli ciò di cui ha veramente bisogno*.

Lo spettacolo comico che mi piacerebbe riuscire a fare, almeno una volta nella vita, comincia con delle chiacchiere improvvisate con il pubblico (noi lo chiamiamo prespettacolo), va avanti con battute spontanee lato palco, poi miste lato palco lato pubblico e finisce con un tripudio di cazzate lato pubblico e con noi che applaudiamo dal palco, ci pagano e ce ne andiamo. Peccherà in contenuti, ma la forma ha veramente molto da dire.

Ma forse è solo un'impressione mia, dammi una mano a capirlo e partecipa al sondaggio qui a fianco: lo scopriremo insieme chi ha ragione tra il saggio che organizza la serata con amici, o l'idiota che paga il giullare.

*salvo, si intende, chi usa uno spettacolo comico per trasmettere contenuti; evento che non vedo più accadere da... uhm... un decennio?

Commenti:

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna